Chirurgia protesica

L’impianto di una protesi dell’anca è sicuramente uno degli interventi più frequenti in Italia (circa 70.000 operazioni all’anno). La chirurgia ortopedica di tipo protesico è in grado di curare efficacemente la patologia degenerativa delle articolazioni, essenzialmente l’artrosi, e in modo minore fratture, artriti, tumori. Grazie all’evoluzione delle tecniche e dei materiali, l’impianto di una protesi consente di ottenere un risultato duraturo ed è in grado di eliminare il dolore e di restituire mobilità e funzionalità normali all’articolazione e, in una persona efficiente e giovane, fornisce la possibilità di praticare alcune attività sportive.

L’équipe del Dr. Federico Della Rocca utilizza vari tipi di protesi: non cementate, ovvero costituite da uno stelo di lega di titanio che viene applicato a diretto contatto con l’osso, e quelle cementate, ovvero ricoperte da uno strato di cemento acrilico che impedisce il diretto contatto dello stelo con l’osso e infine protesi di superficie. Le tipologie sono ugualmente valide, affidabili e durature. La scelta della protesi viene fatta dal chirurgo che interpreta nel modo più corretto i parametri da cui emergono le indicazioni per l’utilizzo di un tipo di protesi piuttosto che dell’altro (sesso, età, indice di osteoporosi, indice morfo-corticale, necessità di performance, ecc.).

Il Dr. Federico Della Rocca segue protesi totale di anca con tecniche mini-invasive, non toccando il medio gluteo che è il muscolo più importante della deambulazione e con un percorso di cura con recupero rapido.

E’ un percorso chirurgico e riabilitativo innovativo:

1)     degenza in ospedale più breve, a parità di qualità elevata dell’assistenza e della sicurezza.

2)     Precoce ripresa del movimento.

3)     Controllo del dolore,

4)     Recupero più veloce e ritorno alle attività quotidiane.

Il paziente viene operato in mattinata e nel pomeriggio il paziente viene alzato dal letto e messo in piedi, si muove e cammina con supporto del personale ospedaliero.